Data: (1 giorno) Telefonare per data

Programma:

PARTE 1

I refrigeranti e la questione ambientale: Fluidi clorurati e distruzione dello strato di ozono stratosferico. Effetto serra diretto e indiretto dei fluidi alogenati. Indicatori di impatto ambientale: ODP, GWP e TEWI. Regolamento UE 517/2014. Categorie di fluidi refrigeranti a basso impatto ambientale.

Anidride carbonica come fluido naturale: Descrizione delle proprietà dell’anidride carbonica in relazione alla temperatura e alla pressione. Confronto con i tradizionali fluidi refrigeranti. Importanza del punto critico. Il ciclo base transcritico dell’anidride carbonica nei diagrammi P-h e T-s. Soluzioni alternative al ciclo base per il miglioramento dell’efficienza energetica. Impieghi alternativi dell’anidride carbonica: cicli in cascata e sistemi indiretti a fluido secondario. Lubrificanti per l’anidride carbonica: tipologie chimiche dei  lubrificanti; mutua solubilità e miscibilità del sistema anidride carbonica-lubrificante; viscosità in funzione della concentrazione di anidride carbonica nel lubrificante. 

PARTE 2

Anidride carbonica: componenti del circuito frigorifero: Proprietà caratteristiche dell’anidride carbonica come fluido frigorigeno(effetto frigorifero volumetrico, conduttività termica del liquido, densità del vapore, pressioni operative) e loro impatto sui componenti del circuito frigorifero.

Scambiatori di calore. Evaporatori e gas cooler a batteria alettata:  la scelta del numero dei circuiti. Tecnologia degli scambiatori a batteria alettata e a piastre per CO2.  Compressori per anidride carbonica: impatto delle proprietà della CO2 sul rendimento di compressione. Tipologie di compressori volumetrici disponibili: applicazioni subcritiche  e transcritiche.

Il ruolo della valvola di laminazione in un ciclo transcritico; il controllo dell’alta pressione (valvole elettroniche con controllo di tipo back-pressure).

Campi di applicazione dell’anidride carbonica come fluido frigorigeno

Refrigerazione commerciale
Come usare l’anidride carbonica nella refrigerazione commerciale: fluido secondario in cambiamento di fase, fluido operativo nello stadio di bassa di un impianto in cascata; unico fluido frigorigeno di un circuito che rigetta calore all’esterno (ciclo subcritico/transcritico). Schemi base,  vantaggi e svantaggi.

Impianti di tipo booster: schema di riferimento. Schemi frigoriferi per applicazione in climi caldi: compressore ausiliario, sottoraffreddamento del gas in uscita dal gas cooler, schemi con eiettore bifase.

Pompe di calore per il riscaldamento di acqua calda sanitaria
Il riscaldamento dell’acqua nel gas cooler di un circuito operante con anidride carbonica: l’effetto  della temperatura in ingresso dell’acqua e del salto di temperatura.

L’accoppiamento di pdc a CO2 con accumuli a stratificazione.

Consegna attestati.

Docente
Ing. Sergio Bobbo (CNR di Padova), Dott.ssa Silvia Minetto (CNR di Padova), Sig. Gianfranco Cattabriga, Ing. Stefano Sarti

Orari
9/13 - 14/17



Prezzo (Quota individuale):
300.00 € +IVA 22%
Prezzo scontato soci ATF:
285.00 € +IVA 22%
Prezzo scontato per formazione a distanza - FAD:
255.00 € +IVA 22%

Contattaci